IL BULLO, LA SECCHIA E GLI ALTRI

MONDADORI_LOGO.jpg
LIBRACCIO_LOGO.png

Romanzo per ragazzi. I problemi di un gruppo di studenti del liceo vengono raccontati con sguardo ironico alternando il punto di vista di due di loro e della prof.

TRAMA

Marisa vorrebbe avere una vita normale. Purtroppo tutti coloro che la circondano congiurano contro questo desiderio: la nonna buddista, i genitori dai mestieri impossibili, la prof stravagante…. A tutto ciò bisogna aggiungere un amore non corrisposto, quattordici gatti di cui prendersi cura e un segreto inquietante nella vita della sua esemplare amica del cuore.

Antonio si sente un ragazzo molto in gamba e pensa di meritare una vita libera e indipendente. I suoi famigliari e la nuova prof non lo capiscono e vogliono a tutti i costi che si comporti secondo i loro principi. Ma lui non ha alcuna intenzione di subire e, insieme ai nuovi amici, decide di compiere un’azione clamorosa.

La prof è stanca; vorrebbe tanto una vita serena, ma ci si mettono tutti a movimentargliela: suo marito, sua figlia e quel ragazzo dai capelli colorati che la guarda con aria di sfida.

Nessuno dei personaggi otterrà quel che desidera, ma ciascuno di loro troverà un piccolo, imprevedibile tesoro: un nuovo sguardo su se stesso, sugli altri, sulla vita.

Nella vicenda compare il delicato problema dell’anoressia, che purtroppo nella nostra società colpisce soggetti sempre più giovani. Ogni particolare che compare nel romanzo, la descrizione dei sintomi, l’evoluzione della malattia, è frutto di un’attenta documentazione.

 

IL LIBRO E LA SUA STORIA

Pubblicato nel 2006 da Mondadori Education, questo romanzo mi ha dato molte soddisfazioni, perché ha avuto numerose ristampe e mi ha portato in giro per le scuole a presentarlo.

Eppure è nato praticamente per caso.

Volevo scrivere dei racconti, ciascuno dei quali avrebbe avuto come protagonista un ragazzo diverso. La narrazione, però, come sempre succede, ha preso la sua strada, indipendente dalle mie previsioni, e io l’ho seguita, docile. Le storie si sono intrecciate ed è nato un romanzo.

 

ASSAGGI  

La prof

Eccoci qui. Seconda liceo scientifico, in periferia degradata. Muri ansiosi di ricevere una mano di vernice fresca, pavimenti opachi, vetri appannati, lampadari sbilenchi…

 

 “Antonio

Questa Vannini non mi piace. Intanto è vecchia un totale, con quei capelli tinti di rosso, le occhiaie fino al mento e le rughe intorno alla bocca. Quella dell’anno scorso (come si chiamava, mica me lo ricordo) almeno aveva un certo look, era più giovane (per quanto può esserlo una prof), bionda, occhi azzurri, e a volte metteva la gonna corta. Non ci sapeva fare, d’accordo, starnazzava come una gallina sgozzata, e nessuno la considerava a parte Marisa la Secchia e Andrea Fantasmino…

 

 Marisa

Quella Vannini non mi piace. Sembra che non ci sia proprio niente da fare, io ho una specie di destino segnato, un karma direbbe mia nonna.

Sono una ragazza normale, non bella, non brutta, non particolarmente intelligente, non particolarmente stupida. Mi piace studiare, mi impegno, ottengo buoni risultati. Mi vesto in modo normale, classico, non ho grilli per la testa, so già che da grande farò l’insegnante. Mi sposerò, spero, con un bravo ragazzo e farò due figli. Due è un numero perfetto per i figli: non sono troppi ma neanche pochi, uno solo si sentirebbe triste.

Vorrei allora capire perché sono condannata a essere circondata da gente fuori di testa.”

Copyright di Patrizia Marzocchi, tutti i diritti sono riservati.